Cheers!

Lunga vita alla regina: più che un augurio, ormai un dato di fatto. Domani Elisabetta II compie 91 anni. Li compie per la prima volta. La seconda volta, il tradizionale “Trooping the Colour”, quest’anno sarà il  17 giugno.
Auguri a lei dunque, l’unica, la sola, quella che non ha nemmeno bisogno di un cognome perché i reali inglesi possono farne a meno.
Cosa dire di quella poveretta di Letizia di Spagna, ridotta a farsi immortalare come una borghesuccia al bancomat? Elisabetta ha uno sportello personale a Buckingham  Palace.  Invece non ha né passaporto né patente ma  viaggia e guida lo stesso.
E cosa dire di quell’esibizionista di Rania di Giordania, ogni uscita un paio di fiammanti scarpe glamour? Elisabetta ( che non indossa mai scarpe nuove ma già “ammorbidite” dalla sua cameriera) ne compra uno o al massimo due paia all’anno e dallo stesso negoziante che nessuno conosce ma che è tenuto a rifare tacchi e suole quando si rovinano. Perché una vera regina è parsimoniosa e perché la vera eleganza è nei dettagli. 
In pochi infatti ci fanno caso ma quando piove la regina  sfodera sempre lo stesso tipo di ombrello. Trasparente perchè possa sempre essere vista dai sudditi ma con un bordino colorato. Ebbene è fatto su misura,  sempre rigorosamente in tinta con il resto  della mise.
Una donna di polso,  anzi, se la serie “The Crown” ha ragione, il risultato di una perfetta metamorfosi da essere umano a essere reale. Se Tony Blair non l’avesse supplicata mai le sarebbe venuto in mente di issare la bandiera di Buckingham Palace a mezz’asta in segno di lutto per Diana. “Never explain never complain” ( mai spiegare, mai protestare) diceva  il politico e primo ministro Benjamin Disraeli,  poco importa se per colpa di questo gelido protocollo siano finiti in analisi nell’ordine Diana, Carlo e ora si è saputo, pure Harry. Lei sta sempre benissimo, comunque.  E alla sera brinda alla salute con un goccetto… di champagne ovviamente perché la vera noblesse oblige!

La principessa e il parrucchiere

 E’ uno strano anno questo per la monarchia britannica. E’ iniziato con lo strascico di un Natale inquieto, con il persistente raffreddore della regina ad alimentare il timore di quello scenario che meno di tre mesi dopo il  giornale “The Guardian” avrebbe illustrato nel dettaglio pubblicando il segretissimo dossier sull’ operazione “London Bridge”, ovvero sulla morte di Elisabetta II. Tra pochi giorni, poi, ci sarà la visita di Carlo e Camilla in Italia. Prevista una sosta nei paesi terremotati,  l’ennesima occasione per il principe ereditario di ripassare quelle prove generali con cui da qualche decennio si è rassegnato a convivere. E intanto William e Kate sono andati a Parigi. Non un week end romantico per far dimenticare alla moglie gli scivoloni molto poco regali della discoteca di Verbier ma una vera e propria visita di stato per rafforzare i rapporti tra Francia e Inghilterra in vista della Brexit. Il primo viaggio ufficiale di William a Parigi dopo la morte della madre. Esattamente 20 anni dopo.

Carlo e Diana a bordo del “Britannia” durante la luna di miele

 

Già, ad agosto ricorreranno i 20 anni dalla scomparsa della principessa Diana. E già, in questo strano anno, si sprecheranno fiumi d’inchiostro, di straordinarie rivelazioni e commossi ricordi.
Quello che ho raccolto io è di uno sconosciuto 19enne che nell’estate del 1981 lavorava come parrucchiere nel circuito di alberghi dell’Aga Khan. Quell’agosto la star indiscussa era la giovane Diana Spencer che il 29 luglio aveva sposato Carlo d’Inghilterra.  Subito dopo il matrimonio la coppia era partita per il viaggio di nozze  nel Mediterraneo a bordo del panfilo Britannia. Nel fitto calendario di impegni era previsto anche uno scalo in Sardegna.  Qui i principi giunsero con un’imponente scorta alla dimora dei conti Donà delle Rose. Qui, dopo il pranzo a base di pesce assistettero a un concerto del coro della Barbagia nella piazzetta di Porto Rotondo. E qui Diana chiese di fare una piega.

 

Continua a leggere