35 anni fa scompariva Grace

Il 14 settembre di 35 anni fa usciva di scena l’unica vera principessa del popolo. Era Grace Kelly che dal popolo, se così possiamo parlare per la sua ricca e importante famiglia, veniva davvero. In quell’estate del 1982 un anno dopo la nascita della favola di Diana, che il 29 luglio 1981 si era sposata con il principe Carlo nasceva anche il mito senza tempo di Grace di Monaco, finita giù da quella corniche che l’aveva consacrata agli altari di Hollywood nella indimenticabile corsa di “caccia al ladro”. Per una principessa che nasceva ce n’era quindi una che moriva. Ma oggi, che si è tanto commemorata la perdita di lady D nel ventennale della scomparsa vale la pena ricordare anche questo dolore corale, per sempre fissato nell’immagine straziante di un anziano principe piegato sulla bara della sua star.

Grace Kelly in ‘Caccia al ladro’

Ecco, cominciano qui le differenze tra quelle morti in auto ugualmente improvvise, scioccanti e misteriose. Perché anche l’incidente di Grace all’inizio sembrò poco chiaro. A partire dalla scelta scellerata di guidare al posto dell’autista per far posto a un vestito da cerimonia che doveva stare comodamente adagiato dietro. Si pensò fosse colpa della 17enne Stephanie, incautamente passata al volante, si pensò che i freni non avessero funzionato ( e quindi che fossero stati manomessi). Alla fine un mal di testa e un ictus ebbero le meglio tra le ragioni possibili: la principessa non era riuscita a frenare a causa di un’emorragia  che le aveva offuscato la mente.

 

Dicevamo le differenze. La sofferenza e quindi l’amore drammaticamente impressi sul corpo di Ranieri, ben lontano dall’aplomb compassato di Carlo nel gelido corteo funebre di Diana. L’origine nobilissima di questa diversa dalla ricchezza “parvenu” di Grace. La sorte crudele della prima, la vita felice della seconda. Un aspetto però le ha accumunate. Ed è’ proprio quella popolarità che in entrambe aveva una sfumatura pop, come si dice oggi. Per Diana era rappresentata oltre che dagli interessi umanitari, dalla pura vicinanza con la gente normale che forse invidiava davvero ( la sua cartomante, Simone Simmons mi ha raccontato che le chiedeva sempre: “how’s life down at Tesco? com’è la vita giù al supermercato?). Per Grace dallo stile di vita che cerco’ di mantenere quanto più possibile rilassato. Lo descrive bene il figlio Alberto in una delle tante interviste in occasione del triste anniversario. Così scopriamo che la madre faceva crescere il mais importato dagli Stati Uniti nel giardino del palazzo per far cogliere ai bambini le pannocchie direttamente dalle spighe. Che quando aveva i capelli sporchi usava un turbante. Che alla fine dei ricevimenti invitava gli ospiti a fare un tuffo in piscina. E che l’attrice Grace avrebbe disperatamente desiderato poter recitare il ruolo di Marnie che la principessa mamma non si era sentita di fare.

Girando per le stradine della Monaco vecchia e’ pieno di foto e targhe che ricordano gli acquisti nel tale negozio e i suoi passaggi nella tale strada per accompagnare i figli a scuola. E se nessuno scandalo è trapelato dal comportamento di ‘ghiaccio bollente’ come la chiamavano a Hollywood era perché erano altri tempi ma anche perché l’ex diva aveva preso molto seriamente il suo ruolo. A recuperare ci hanno poi pensato i figli, ma questa è un’ altra storia.

 

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

Una risposta a “35 anni fa scompariva Grace

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *