Che gelida manina

Donald Trump e la moglie Melania ricevuti per la prima volta dalla regina Elisabetta, venerdì, al castello di Windsor

Donald Trump e Theresa May sui gradini di Blenheim Palace

La regina sorride, allunga il guanto bianco. Davanti a lei, per la prima volta, ci sono Donald Trump e consorte. Difficile immaginare una stretta di mani meno spontanea. Del resto, proprio come cantava Zucchero, è con le mani che si può “dire di si”. Ne ho già scritto ma ci torno perchè la faccenda sembra non finire piu’. Prima la mano scocciata della first lady Melania nei bisticci col marito. Poi quella stretta stretta della fidanzatina Meghan, quella (politicamente) riconciliata di Melania a Donald, quella respinta dal neomarito e dal protocollo ( in presenza della regina) della neo duchessa del Sussex.  Infine, inaspettata ma non inedita, ecco la mano di Trump a Theresa May sui gradini di Blenheim Palace, la casa, diciamo così, di Winston Churchill. Una mano tesa non solo, parrebbe, in senso figurato. A prima vista infatti il gesto del presidente nei confronti della premier inglese inguainata in uno scomodo abito lungo e rosso sembrava solo una galanteria. La signora May, pur avvezza alle cene eleganti da ex studentessa di Oxford, appariva proprio a disagio. Invece quello bisognoso di sostegno poteva essere proprio lui, affetto, si dice, da un disturbo psicologico che lo metterebbe in difficoltà davanti a scalini e scale mobili ( ma che certo non l’ha fermato in altri tipi di scalate). Di certo il presidente ( che aveva già un precedente alla Casa Bianca con le mani della May)  non ama le effusioni, almeno quelle di stato. Sarebbe una questione di igiene: le mani sono un “terribile” veicolo di germi e contaminazioni. E qui si allinea, per ragioni completamente diverse, con la regina Elisabetta. Per protocollo “sua maestà” non può essere toccata e solitamente non stringe a tutti le mani. Nel caso, poi, indossa sempre guanti che si presume siano freschi di tintoria. Forse per questo il presidente non ha avuto remore venerdì nell’allungare la manona e già che c’era di camminare davanti alla sovrana, beccandosi i peggio insulti dai realisti britannici (Il fatto che non abbia nemmeno accennato a un inchino con il capo non ha invece sorpreso nessuno). Tanto “The Royals” hanno altri metodi per comunicare la propria disapprovazione. Mentre nel cielo di Londra si levava un enorme pallone gonfiato dalle fattezze di un esilarante baby Trump il Sunday Times pubblicava la feroce verità sulla visita degli inquilini della casa Bianca a Windsor: la regina era sola ad accoglierli perchè nessun altro, da William a Carlo, allo stesso Filippo,  li voleva incontrare. La gelida manina di Lilibeth, insomma è tutto quello che Donald e Melania hanno avuto, insieme a qualche scones con burro e marmellata di prammatica. Trump al “Sun” aveva detto: “Elisabetta è una donna tremenda, non vedo l’ora di parlare con lei”. E’ stato accontentato. Ora.. altro giro, altra mano. Quella di Putin, ma qui, niente guanti bianchi.  

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *