Ultimissime dal Mega(n)mondo

Meghan durante la recente visita a una radio di Brixton in cui la ha esibito uno chignon “poco ordinato”

Una donna senza  “Pedigree”?

“Un’afroamericana macchierà la famiglia reale con il suo seme aprendo le porte a un re di colore”, scrive Jo Marney, l’ormai ex compagna del leader dell’ Ukip, Henry Bolton. Il partito l’ha subito defenestrata chiedendo e ottenendo dall’uomo di evitare di “distruggere anche la famiglia politica” dopo averlo fatto con la sua (Bolton ha abbandonato moglie e figli per l’ex modella dalle idee particolari).Curioso pensare che la ragazza “bi razziale” come si è autodefinita Meghan possa macchiare il nobile sangue della corona se si pensa che i Windsor hanno scelto proprio questo nome per evitare spiacevoli ricordi. Perchè Filippo in realtà si chiama Mountbatten. Che per la verità sarebbe Battenberg,  nome di squisito lignaggio tedesco ma inopportuno in tempo di guerra soprattutto se sospettato di disdicevoli legami con il nazismo. Mentre il mondo giustamente si indigna per gli insulti a Meghan, di colore e quindi, secondo un ineccepibile sillogismo anche di “facili costumi e con il cervello piccolo”, meglio non pensare a come avrebbero commentato gli ariani antenati del futuro sposo. 

 

Un criceto parlante giocattolo simile a quello regalato alla regina per Natale da Meghan Markle (fonte The Sun)

Royal Style poco reale? 

A chi si è scomposto insieme allo chignon di Meghan, non proprio leccatiassimo ( almeno secondo il “Kate Style“) ricordo che i gusti reali non sempre sono impeccabili. Ad esempio i regali. Qualcuno sicuramente si è un pò scioccato davanti al criceto cantante regalato da Meghan e che tanto ha fatto ridere la regina ( e entusiasmare i suoi corgies). Lesa maestà. Meglio un vassoio in argento? O una tirchia quanto chic marmellata km zero ( lo scorso anno Kate se l’era cavata con il chutney fatto in casa secondo la regola della nonna)? Ebbene la royal family non disdegna omaggi “particolari”. Si ricorda ad esempio il regalo di Harry alla regina ( deux ex machina pure del criceto): una cuffia per la doccia con una scritta volgare. Ma a superare tutti c’è il solito Carlo. Si narra che il dono che più lo ha mandato in visibilio sia stato un copriwater di pelle bianca regalato dalla sorella, la principessa Anna. Così confortevole che pari non se ne separi più. Noblesse oblige!

 

Cheers!

Lunga vita alla regina: più che un augurio, ormai un dato di fatto. Domani Elisabetta II compie 91 anni. Li compie per la prima volta. La seconda volta, il tradizionale “Trooping the Colour”, quest’anno sarà il  17 giugno.
Auguri a lei dunque, l’unica, la sola, quella che non ha nemmeno bisogno di un cognome perché i reali inglesi possono farne a meno.
Cosa dire di quella poveretta di Letizia di Spagna, ridotta a farsi immortalare come una borghesuccia al bancomat? Elisabetta ha uno sportello personale a Buckingham  Palace.  Invece non ha né passaporto né patente ma  viaggia e guida lo stesso.
E cosa dire di quell’esibizionista di Rania di Giordania, ogni uscita un paio di fiammanti scarpe glamour? Elisabetta ( che non indossa mai scarpe nuove ma già “ammorbidite” dalla sua cameriera) ne compra uno o al massimo due paia all’anno e dallo stesso negoziante che nessuno conosce ma che è tenuto a rifare tacchi e suole quando si rovinano. Perché una vera regina è parsimoniosa e perché la vera eleganza è nei dettagli. 
In pochi infatti ci fanno caso ma quando piove la regina  sfodera sempre lo stesso tipo di ombrello. Trasparente perchè possa sempre essere vista dai sudditi ma con un bordino colorato. Ebbene è fatto su misura,  sempre rigorosamente in tinta con il resto  della mise.
Una donna di polso,  anzi, se la serie “The Crown” ha ragione, il risultato di una perfetta metamorfosi da essere umano a essere reale. Se Tony Blair non l’avesse supplicata mai le sarebbe venuto in mente di issare la bandiera di Buckingham Palace a mezz’asta in segno di lutto per Diana. “Never explain never complain” ( mai spiegare, mai protestare) diceva  il politico e primo ministro Benjamin Disraeli,  poco importa se per colpa di questo gelido protocollo siano finiti in analisi nell’ordine Diana, Carlo e ora si è saputo, pure Harry. Lei sta sempre benissimo, comunque.  E alla sera brinda alla salute con un goccetto… di champagne ovviamente perché la vera noblesse oblige!